13
FEB
2017

news

LE INDICAZIONI GEOGRAFICHE MADE IN ITALY VALGONO 13,8 MILIARDI DI EURO

Presentato nei giorni scorsi a Roma da Ismea e dalla Fondazione Qualivita il “XIV Rapporto 2016 sulle produzioni italiane agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg”

In Italia il settore dei prodotti Dop-Igp ha raggiunto i 13,8 miliardi di euro, registrando un incremento del 2,6% su base annua. È quanto emerge dal “XIV Rapporto 2016 sulle produzioni italiane agroalimentari e vitivinicole Dop, Igp e Stg” presentatore giorni scorsi a Roma da Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare) e dalla Fondazione Qualivita.


Il Made in Italy cresce anche nel 2016 Il documento evidenzia che il valore complessivo della produzione Food e Wine ha un peso del 10% sul fatturato totale dell'industria agroalimentare nazionale. Le Indicazioni Geografiche continuano a rappresentare un fattore chiave per la crescita del made in Italy nel mondo: l'export dei dei prodotti Dop Igp è, infatti, cresciuto del 9,6%, fino a raggiungere un valore di 7,8 miliardi di euro, pari al 21% del totale delle esportazioni del settore agroalimentare.
Nello specifico, il Rapporto sottolinea che il settore Food è composto da oltre 80 mila operatori e vale 6,35 miliardi di euro alla produzione. Inoltre, registra una crescita al consumo pari all'1,9%, incremento che raggiunge il 5,1% nella Grande Distribuzione. Il comparto Wine presenta una produzione certificata di 2,84 miliardi di bottiglie e vale 7,4 miliardi di euro alla produzione, registrando una crescita del 5,8%. Inoltre, l’incidenza dei vini certificati presso la Grande Distribuzione - senza considerare gli spumanti - sfiora il 75% delle vendite in valore, per un giro d’affari di 1,3 miliardi di euro.


Italia: con 814 prodotti certificati mantiene il primato mondiale Dall'indagine emerge che l’Italia mantiene il suo primato mondiale nel settore delle produzioni certificate Dop, Igp e Stg, con 814 prodotti dei comparti Food e Wine e ben 13 nuove registrazioni nel corso del 2016. Inoltre, le Indicazioni Geografiche continuano a crescere anche a livello globale, con 69 nuovi prodotti registrati del comparto Food, di cui 65 in Paesi UE e 4 in Paesi Extra UE, chiudendo il 2016 con 2.959 Ig all’appello (23 fuori Europa). Nel 2016, ai 13 nuovi prodotti Dop e Igp, si sono aggiunte 4 richieste di registrazione da parte dell’Italia. Nel Belpaese sono anche state effettuate 16 modifiche a disciplinari, avanzate 10 domande di modifica a disciplinari e applicata una protezione transitoria.
In Italia la qualità e la sicurezza delle Dop Igp sono garantite da una rete costituita da 247 Consorzi di tutela riconosciuti dal Mipaaf (137 Food e 110 Wine) e 247 Agenti vigilatori. Inoltre, nel 2016 sono stati effettuati dagli Organismi di controllo pubblici oltre 162 mila controlli pubblici in Italia, all'estero e sul web, di cui più di 1.500 solo su internet, per un valore complessivo di sequestri superiore ai 36 milioni di euro.

 

Fonte: Ismea