24
FEB
2017

news

FUTURO DELL’AGRICOLTURA, C’È SINTONIA FRA HOGAN E IL COPA-COGECA MERRILD (COPA): MANTENERE I DUE PILASTRI DELLA PAC, MA SEMPLIFICARE

Verso la 113ª edizione di Fieragricola. Le visioni del commissario europeo e degli agricoltori

Semplificare e garantire risorse. Sono le progettualità della futura Politica Agricola Comune, così come annunciate dal commissario europeo all’Agricoltura, Phil Hogan. Risposte efficaci per soggetti come gli agricoltori che, nei fatti, sono «insostituibili custodi delle campagne».


Gli Agricoltori, insostituibili custodi delle campagne Posizioni espresse qualche giorno fa e che hanno trovato la condivisione del Copa-Cogeca. Anche perché il commissario Hogan ha condiviso alcune delle visioni strategiche del sindacato europeo degli agricoltori e delle cooperative agricole, a partire dall’esigenza di concentrarsi sempre di più su delle misure volte ad aiutare gli agricoltori a gestire i rischi e a sviluppare mercati a termine, proprio a fronte di una volatilità di mercato marcata. Altro aspetto che vede allineati Hogan, Copa e Cogeca è l’esigenza di garantire un adeguato ricambio generazionale.

Secondo il presidente del Copa, Martin Merrild, non serve una riforma della Pac, ma soltanto dei miglioramenti, a partire dalla semplificazione. «Occorre mantenere l’attuale struttura con i due pilastri già esistenti, che si è dimostrata funzionale per la competitività e per i consumatori, fornendo loro derrate alimentari sane, nutrienti e di qualità, a prezzi accessibili», ha detto Merrild.


La futura PAC? Semplificata e meno burocratica Nessuna contrarietà al greening, che Copa e Cogeca hanno sostenuto. Tuttavia, la complessità e la burocrazia rappresentano un ostacolo. «La futura Pac deve assicurare una politica comune, semplificata e meno burocratica, che risponda meglio alle sfide del settore agricolo - ha precisato Merrild - I pagamenti diretti, per i quali gli agricoltori devono rispettare stringenti norme ambientali, forniscono altresì stabilità e certezza agli agricoltori rispetto alla volatilità del mercato e vanno mantenuti».






Fonte: Servio Stampa Fieragricola