05
MAG
2017

myfieragricola

FUNZIONA LA PARTNERSHIP TRA FIERAGRICOLA E IL SIAM: ALL’«AREA ITALIA» IL PREMIO PER IL MAGGIOR NUMERO DI ESPOSITORI STRANIERI

Positiva la missione italiana al Salone internazionale dell’agricoltura di Meknès. Vendite già partite

«La partnership tra Fieragricola di Verona e Siam (Salone internazionale dell’Agricoltura) di Meknès, in Marocco, ha avuto ottimi risultati e ha contribuito a rafforzare i rapporti commerciali tra le aziende espositrici italiane e il sistema agricolo marocchino».

È un commento positivo quello del direttore commerciale di Veronafiere, Diego Valsecchi, alla luce dell’andamento del Siam (18-23 aprile), che ha visto la partecipazione di 65 Paesi stranieri e una presenza complessiva di oltre un milione di visitatori alla 12ª edizione.

Doppia soddisfazione per Fieragricola, manifestazione chiamata a organizzare l’«Area Italia», che ha registrato la presenza di 44 espositori qualificati nei settori della zootecnia, meccanizzazione, vigneto e frutteto, agrofarmaci, sementi, gestione del verde, genetica animale, attrezzature.

«L’impegno – riassume Luciano Rizzi, Area Manager Agriexpo & Technology di Veronafiere – è stato riconosciuto anche a livello ufficiale, con il conferimento del premio per la migliore presenza internazionale per numero di espositori presenti, consegnato dal principe Moulay Rachid, fratello del re Muhammad VI, all’ambasciatore d’Italia nel Regno del Marocco, Roberto Natali».

 

Molte visite ad Area Italia

L’attività di assistenza capillare di Fieragricola nelle fasi precedenti al Siam, le visite istituzionali del ministro dell’Agricoltura del Marocco Aziz Akhannouch, del presidente dell’Unione Africana Alpha Condé, dell’ambasciatore Natali e del console generale d’Italia in Marocco Alessandro Ferranti, insieme a delegazioni dagli Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Gabon, Egitto, Turchia, Algeria, Tunisia e di un elevato numero di agricoltori, grazie all’attività di Fieragricola e Siam sugli utilizzatori finali, ha dato risultati all’altezza delle aspettative, promuovendo in particolare l’immagine di un Made in Italy per l’agricoltura di alto livello qualitativo.

 

Un mercato nuovo, vendite immediate

Per molti espositori si è trattata di una missione alla scoperta di un mercato nuovo, in crescita e considerato la porta del Nord e del Centrafrica. Accanto ai contatti con i dealer (alcune aziende espositrici erano in cerca di rappresentanti locali) la sorpresa è stata la vendita immediata di numerose attrezzature esposte in fiera a Meknès, a conferma della vivacità dell’agricoltura del Marocco.

 

Nel 2018 più B2B, più area espositiva

Per la prossima edizione, in programma nella seconda metà di aprile del 2018, Fieragricola ha chiesto al Siam di poter sviluppare ulteriormente gli incontri b2b con tutte le delegazioni dell’Africa e del Medio Oriente, oltre ad un ampliamento della superficie espositiva riservata alle aziende italiane per l’edizione 2018.

L’esito della missione in Marocco costituisce una premessa positiva anche per incrementare l’incoming degli operatori alla 113ª edizione di Fieragricola, in programma dal 31 gennaio al 3 febbraio 2018. La scorsa edizione, nel 2016, Fieragricola ha registrato una presenza di 132mila visitatori, dei quali 21mila dall’estero. Dall’Africa, in particolare, sono arrivati a Verona fra buyer e delegati oltre 2.200 persone.

 
Fonte: FieragricolaNews