06
APR
2017

Zootecnia

CARNI SUINE: NEL 2016 CRESCE LA PRODUZIONE IN EUROPA E IN ITALIA, GERMANIA E SPAGNA IN TESTA. TOP PLAYER MONDIALE SI CONFERMA LA CINA

Verso Fieragricola 2018. Le elaborazioni di Eurostat nel comparto della suinicoltura

È cresciuta la produzione di carni suine in Europa e in Italia, con la Germania primo produttore, seguito dalla Spagna, esempio preclaro di attitudine all’export come soluzione per il rilancio della redditività degli allevatori e della filiera. Questi, in sintesi, i risultati delle elaborazioni di Eurostat per l’anno 2016. Nel 2016 l’Unione europea ha prodotto un totale di 23,23 milioni di tonnellate di carni suine, vale a dire 314.000 tonnellate in più rispetto al 2015, con una crescita dell’1,37 per cento.

 

Germania primo produttore europeo, segue la Spagna

La Germania – con 5,56 milioni di tonnellate prodotte, in aumento dello 0,1% sul 2015 – è il primo produttore europeo di carni suine. Segue la Spagna. Alle sue spalle si colloca la Spagna, con una produzione di 4,05 milioni di tonnellate e una crescita su base annua del 5,3 per cento.

 

L'Italia cresce

Crescono in valore assoluto anche le produzioni di carni suine in Italia (+58.300 t), Polonia (+56.900 t), Ungheria (+22.500 t), Regno Unito (+20.900 t), Francia (+20.200 t) e Paesi Bassi (+16.500 tonnellate), mentre Belgio e Danimarca regrediscono rispettivamente di 63.800 e 32.100 tonnellate.

 

Cina conferma il primo posto

La Cina si consolida il primo player su scala mondiale per produzione di carni suine, seguita dall’Ue-28 e dagli Stati Uniti. Gli Usa, in particolare, con un incremento di quasi 200mila tonnellate, hanno raggiunto quota 11,3 milioni di tonnellate prodotte.

 

Fonte: Fieragricola News

Previous

IL PRESIDENTE AIA, ROBERTO NOCENTINI: «VERSO LA ZOOTECNIA...

Next

DL TERREMOTO: LE MISURE PER AGRICOLTORI E ALLEVATORI